B come Book- RVM Magazine

IMG_4483.jpgIMG_4484.jpg

Buongiorno raga e Buon lunedì!!
Dopo aver visto spuntare i primi BaBBo natale alle finestre e essermi sorBito nell'ultima settimana sui social rispettivamente le foto degli alBeri, le foto del funamBolo a Perugia e aver visto condivisioni a rota sui Queen da gente che "nsa manco chi so" entriamo nello spirito natalizio di Bontà gratuita attraverso il suo colore predominante: il rosso.
Vi parlerò infatti oggi di una rivista INDIPENDENTE ( e sottolineo) meravigliosamente BBella ( con due B si,non so trovare altro termine scellerato per farne magnificenza) recentemente rinnovata e restaurata a modo, RVM Magazine.
Essa si pone veramente come una "cosa" diversa da tutte le altre, anomala ed affascinate.
Parliamo infatti di una rivista che ha l'oBiettivo di approfondire con tutti i mezzi possiBili, le ricerche e gli studi sulla fotografia con particolare riguardo alla documentaristica contemporanea e che si apre per questo motivo alla contaminazione con altre forme di narrazione, come la poesia, la letteratura, l'illustrazione e l'arte grafica.
Un punto di vista insolito e talvolta meno rassicurante, ma proprio per questo fondamentale perché stimola riflessione e spunti diversi e perchè talvolta la contaminazione spaventa e disorienta(in ogni campo) ma è straordinariamente utile per la crescita.
Ora voi mi dovreste dire..che c'entra tutto questo col rosso???
C'entra invece, perchè l'indagine sul mondo di RVM magazine utilizza il colore come "medium", quasi fosse un filtro fotografico...avvicinandolo di volta in volta a significati e narrazioni diverse.
Proprio dal rosso parte il primo numero ,THE REDO ISSUE che è quello che vi presento oggi.
E io, che di filtri rossi ne ho fatti....ve lo consiglio fortissimamente.
Troverete un numero con 5 projects fantastici tra cui Davide Monteleone ( di cui vi ho già parlato) che mette in scena il viaggio di Lenin dall'esilio alla rivoluzione, Carlotta Cardana che ci parla della strada del riscatto degli indiani d'America contemporanei ( io amo gli indiani d'America da sempre, fanculo Custer)e Sanne de Wilde che ci mostra il mondo degli acromati, privo di colori ma ricco di sfumature surreali (Gold medal per il miglior contenuto singolo “Independent Magazine: Single Spread Story).
La rivista è particolare anche nella rilegatura, nell'impaginazione e nelle ottime carte su cui è stampata ( diverse per ogni lavoro)e per questo ha ricevuto tre premi nell'amBito della 53esima edizione dell’Annual Design Award della The Society of Publication Designers, uno dei più prestigiosi premi dedicati al design editoriale per le riviste, che si tiene a New York.
A questo numero è seguito il secondo volume -The white issue dedicato appunto al colore bianco.
Potrete trovare questa rivista nella fantastica Edicola 518 di Perugia oppure richiederla online per i non perugini
Buon natale, con Buonismo.
Fate i bravi.

Sara&Riccardo Preview!

Mi affeziono spesso alle mie coppie,è vero.
Ma cara Sara...vederti sorridere vicino al tuo Riccardo e alle vostre testimoni Matilde e Caterina è stato particolarmente toccante per me, che ti conosco da una vita.
Spero di farti un bellissimo regalo di compleanno con questa anteprima e di farlo anche a Ricky!!
Ve l'avevo detto che con me non c'è problema di meteo o di buio!!! :)
Vi abbraccio forte, che sia una meravigliosa avventura la vostra.
FaB

_FLY7576.jpg_FLY5673.jpg_FLY6337.jpg_FLY5640.jpg_FLY6309.jpg_FLY5711.jpg_FLY6392.jpg_FLY5775.jpg_FLY6430.jpg_FLY6461.jpg_FLY5847.jpg_FLY5850.jpg_FLY5927.jpg_FLY5906.jpg_FLY5863.jpg_FLY5966.jpg_FLY5962.jpg_FLY6536.jpg_FLY6578.jpg_FLY6565.jpg_FLY6496.jpg_FLY6693.jpg_FLY6673.jpg_FLY6072.jpg_FLY6701.jpg_FLY6127.jpg_FLY6113.jpg_FLY6189.jpg_FLY6846.jpg_FLY6255.jpg_FLY6837.jpg_FLY5890.jpg_FLY6283.jpg_FLY6290.jpg_FLY6655.jpg_FLY6308_2.jpg_FLY6339_2.jpg_FLY6369_2.jpg_FLY6951.jpg_FLY6542_2.jpg_FLY7013.jpg_FLY7033.jpg_FLY7105.jpg_FLY7145.jpg_FLY7237.jpg_FLY6666_2.jpg_FLY6692_2.jpg_FLY6745_2.jpg_FLY6781_2.jpg_FLY7369.jpg_FLY7438.jpg_FLY7523.jpg_FLY7533.jpg_FLY7560.jpg_FLY7612.jpg_FLY7630.jpg_FLY7642.jpg_FLY7750.jpg_FLY7801.jpg_FLY7851.jpg_FLY7892.jpg_FLY7967.jpg_FLY7980.jpg_FLY8101.jpg_FLY8111.jpg_FLY8167.jpg_FLY8262.jpg_FLY7007_2.jpg_FLY8314.jpg_FLY8286.jpg_FLY8129.jpg

B come Book- Il Ritratto e l'Istante ,Mary Ellen Mark

IMG_4105.jpgIMG_4106.jpg

B.....uongiorno e Buon lunedì a tutti!!
Siete pronti all'arrivo delle lucine colorate, delle foto degli alBeri spammate su Facebook e dei #BaBBinatalechesiarrampicanosulleterrazze??
It's Christmas!
E allora se volete fare un regalo non scontato ad una persona cara a cui piace la fotografia..fate un Bel liBro!
Per esempio quello di cui parliamo oggi, ovvero il volume 4 della collana Aperture Workshop Fotografici, Il Ritratto e l'Istante di Mary Ellen Mark.
In un'età dove persone si improvvisano fotografi senza sapere cos'è la fotografia e fotografi si improvvisano ritrattisti senza sapere cosa è un ritratto e dove l'unica Mark che conoscono è la Mark 2-3-4 Canon di cui sapranno dirvi fino all'ultima parola di tecnologia( fiuuu riprendo fiato,il periodo era lungo) conoscere questo testo è di grande importanza.
MEM ci propone la sua idea di osservazione del mondo e di fotografia e la usa nei suoi ritratti, molto di più di semplici scatti a persone o animali ma in certi casi viaggi introspettivi dentro il soggetto fotografato.
Dimostrazione che a volte non servono effetti speciali, ma Basta un'inquadratura organizzata, un dettaglio, una posa-non posata ma che appaia non forzata per mostrarci a fondo l'io di un soggetto.
L'autrice ci svela il concetto alla Base del suo processo creativo e qualcosa del suo essere fotografa; riesce nel suo scrivere a coinvolgerti e non a somministrarti qualche nozione a modo di #ocadapatè parlando anche di come istaurare un rapporto di fiducia col soggetto fotografato al fine di tirare fuori il meglio da egli.
Un libro consigliassimo a chi ama il ritratto ed in generale a tutti coloro che vogliono approfondire l'argomento e sono stanchi di ritratti con #modellenudeconlechiappedefori soltanto.
Vi linko come sempre per l'acquisto!
Se avete tempo e denaro compratevi tutta la collana degli Aperture Workshop..ne vale la pena!
Hasta la vista raga, fate i Bravi.
Ah e mi raccomando...appendete il BaBBo natale nella terrazza..ma attenzione di questi tempi!

B come Book- Lezioni di Fotografia Oliviero Toscani

IMG_3764.jpgIMG_3763.jpg

Ciao a tutti!
Dopo circa due settimana di assenza forzata causa impegni lavorativi e/o strettamente personali e/o insommacazzimiei torna B come Book, stavolta con una collana che sta arrivando alla fine e su cui quindi posso dare un giudizio critico e oBiettivo ( questo termine ci stava).
Lezioni di Fotografia è infatti una serie di volumi( 40 uscite) che con cadenza settimanale ci parlano della fotografia secondo Oliviero Toscani.
Il personaggio è di quelli che o si ama o si odia e non mi metterò qui certo ad aprire discussioni su questo.. dico soltanto che non puoi chiedere a Mick Jagger di cantare per il Vaticano.
E qui mi fermo.
La collana è però di induBBio valore: non si parla di regole di composizione, di diaframma e tempi, di iso o di irreali postproduzioni/hdr/timBri clone ma si sviluppa ogni settimana e in ogni volume un tema del nostro tempo, della società gloBale.
"Un argomento da osservare, su cui riflettere, e quindi da rielaBorare."
Un manuale di istruzione per gli occhi direi..per imparare ad osservare la realtà che ci circonda e dare una nostra lettura di essa.
Fotografare non può essere un mero esercizio stilistico, ma deve essere una forma di comunicazione al fine di lanciare un'idea, un messaggio, una visione, un racconto.
E in questo la collana è molto interessante perchè fa girare il cervello, la cosa più utile di tutte e senza la quale nessuna fotografia funziona; in questo le fotografie raccolte ( di OT e di altri autori) ma soprattutto i testi provoc-autoriali del fotografo sono di grande aiuto.
Interessanti sono poi le riflessioni di altri coautori e la sezione con i maestri di OT oltre che le interviste ai grandi fotografi viventi, che in liBertà parlano di fotografia con Toscani.
Stra-con-si-glia-to.
E stop.
A lunedì prossimo, fate i Bravi.

B come Book- William Eggleston's Guide

egglestone.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì, come sempre con un liBro!
Anche io come molti fotografi sono stato affascinato agli inizi della mia carriera dalle foto in Bianconero, dal "momento decisivo" e dai reportage di guerra degli anni 40-70.
Poi però è arrivato il colore ed è stata tutt'altra storia.
Per questo oggi parliamo di un liBro storico, vera e propria pietra miliare della fotografia a mio avviso, ovvero William Eggleston's Guide, una riproduzione della prima puBBlicazione a colori del MOMA di New York del 1976.
La guida contiene 48 fotografie selezionate tra i 375 scatti realizzati dal grandissimo fotografo e che sono la sua attenta visione del mondo che lo circonda.
Le foto possono apparire ad un primo aspetto Banali e casuali, ma in realtà sono molto ricercate sia in termini di composizione che di colore e raccontano di vita quotidiana con soggetti/oggetti senza apparente significato come cartelli stradali,automoBili, tuBi di salsa da fast food, stanze: il colore è il vero protagonista nelle immagini e i suoi "Sguardi democratici" come l'autore definiva la sua attenzione verso gli oggetti marginali.
Proprio la mostra al MOMA di New York suscitò parecchie critiche nell’estaBlishment fotografico di allora, ancora legato a doppio filo al "momento decisivo" e agli scatti in Bianco e nero ,tanto che Egglestone fu unanimemente stroncato dalla critica proprio per l’oltraggio del colore e per l'apparente Banalità delle sue fotografie.
Fu il primo fotografo a realizzare in questo museo una personale mostra di fotografia in questo modo "bizzarro" per l'epoca, usando immagini iper saturate ( con la tecnica del dye-transfer).
Oggi Egglestone è unanimemente riconosciuto come uno dei più importanti fotografi viventi, ha ricevuto molti premi importantissimi e nel 2005 è stato realizzato anche un docufilm sulla sua vita.
Molti fotografi, tra cui Martin Parr lo considerano un maestro.
Il libro in questione non può mancare nella vostra libreria.
Vi linko come sempre per l'acquisto!

B come Book- La linea inesistente di Davide Monteleone

monteleone.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì come sempre con un liBro!
I miei amici più stretti conoscono la mia grande passione per la storia e in particolar modo per la storia del '900.
Sono sempre stato affascinato dall’ultimo secolo, dalle sue tragedie, le sue divisioni, le sue contraddizioni, le sue vicissitudini politiche e sociali.
Uno dei capitoli sicuramente più interessanti per me è la guerra fredda, una guerra agli occhi di molti invisibile (nel suolo europeo) ma che ha contrapposto due sistemi, due imperi in ogni settore della società e che è terminata con la caduta del muro di Berlino.
Proprio a Berlino termina il viaggio dell'autore di cui vi parlerò oggi, Davide Monteleone, un giovane fotoreporter vincitore del WorldPress Photo award, che inizia a lavorare nel 1988 nel fotogiornalismo con puBBlicazioni in alcune delle più prestigiose testate nazionali e internazionali.
Monteleone dal 2002 vive a Mosca e anche grazie a questa sua esperienza di vita nasce il lavoro di cui parleremo oggi, "La linea inesistente" viaggio attraverso la ex cortina di ferro.
Il fotografo ha percorso infatti i luoghi della cortina di ferro che divideva in due l'Europa e che segnava la netta divisione tra il Blocco sovietico e l'occidente, cercando di ritrovare nei volti delle persone, nei paesaggi , nelle case e nelle città quella contrapposizione, cosi evidente nelle terre di mezzo, che è esistita fino alla fine degli anni 80 e che ancora oggi, purché invisiBile ,in qualche modo resta come una cicatrice nella memoria.
In ogni luogo ha cercato di far immergere il lettore nel contesto, fotografando sia il versante ovest che il versante est, catapultandoci idealmente e con l'immaginazione in quei luoghi e in quei tempi.
Un reportage dunque, ma con una sana dose di fantasia che occorre usare.
Un libro consigliatissimo e secondo me attualissimo vista la situazione europea odierna, con le crepe che l'Unione possiede al suo interno.
Da leggere e studiare con la consapevolezza che la storia non va dimenticata, ma va conosciuta per evitare di ricadere in molti errori fatti in passato.
Vi linko come sempre per l'acquisto!

B come Book- Diane Arbus :An Aperture Monograph

arbus.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì come sempre con un liBro!
Ho sempre preferito alle monografie i progetti compiuti ma oggi facciamo un'eccezione parlando di Diane ArBus e della monografia dedicatale da Aperture dopo la sua prematura scomparsa nel 1971, An Aperture Monograph.
La vita della fotografa americana è strettamente connessa più di ogni altro autore con la sua fotografia ed i suoi soggetti.
Diane inizia a fare la fotografa dopo la guerra assieme al marito Allan, ma la sua consacrazione arriva solo dopo la separazione da questo negli anni 60 .
Il territorio prediletto della ArBus è New York dove ella ama ritrarre soggetti particolari e "strani" con cui instaura un vero e proprio rapporto di amicizia anche profondo; soggetti Bizzarri per l’epoca come la donna che si veste da uomo, il nano, il gigante cieco con una grande BarBa.
Nel '65 il MOMA presenta alcune fotografie della ArBus che in quegli anni vanta importanti collaBorazioni con fotografi dell’epoca come il fotografo di moda Richard Avedon, e i fotografi di strada Winogrand e Friedlander.
Proprio con questi ultimi due nel '67 espone 30 sue foto al MoMa; la mostra ha grande successo nonostante le polemiche che l’accompagnarono perché l’etichetta di "fotografa di mostri" che viene cucita addosso alla ArBus non le piace affatto e la sua mente , già affaticata dalle crisi depressive di cui soffriva, ne risente pesantemente.
La ArBus diventa un'icona del fotografo newyorkese e simbolo di tante battaglie "freak" e di quella contro la guerra del Vietnam .
La malattia peggiora finché Diane non si suiciderà nel luglio 71 con una forte dose di BarBiturici e tagliandosi le vene nella vasca da Bagno.
Dall’anno dopo inizia la consacrazione dell'autrice proprio con la monografia di Aperture che la porterà ad essere una delle fotografe icona del '900.
Potete trovare tantissimo materiale sulla fotografa anche su YouTube come alcuni documentari interessanti.
Vi linko come sempre per l'acquisto!

B come Book- I cinesi nel 1959 di Mario Caio Garrubba

garrubba.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì... come sempre con un liBro!
Oggi parliamo di Caio Mario GarruBBa, uno dei massimi esponenti della fotografia italiana del XX secolo noto come "il fotografo del comunismo della speranza" che con il suo oBiettivo ha saputo mettere in risalto più di altri gli aspetti sociali e le contraddizioni del socialismo reale.
Parleremo del suo" I cinesi nel 1959", un lungo reportage della Cina di Mao a 10 anni dalla fondazione della RepuBBlica popolare.
In quegli anni il paese orientale era meta amBita e irraggiungiBile per qualunque fotoreporter occidentale .
Il primo a varcare le frontiere dopo Henry Cartier Bresson fu appunto GarruBBa, che per 40 giorni osservò la vita della gente, raccontando mai con Banalità l’atmosfera cinese con uomini e donne reali e mai idealizzati, fotografati nella loro quotidianità e individualità.
L'individuo al centro quindi, la dove l'individuo stesso perde la sua importanza e diventa solo "parte del popolo".
Un racconto liBero e letterario , un viaggio intenso e reale.
GarruBBa, noto per la sua appartenenza al partito comunista ,nonostante la sua fede politica raccontò sempre il comunismo con distacco, a volte con ironia feroce per esaltarne le contraddizioni e senza mai esaltare i ruoli istituzionali degli stessi interpreti principali.
È stato anche definito "il fotografo del sociale" poichè molti dei suoi lavori raccontano il disagio e le difficoltà del sud Italia e sicuramente la strada fu il suo proscenio naturale, tanto che egli stesso coniò per quel genere dominante nella sua fotografia il termine "stradale".
E per la fotografia "stradale" è stato riconosciuto dai suoi stessi colleghi come uno dei massimi esponenti di sempre della scuola italiana.
Leggetevi questo liBro, ne vale la pena!
Come sempre vi linko per l'acquisto!
A lunedì prossimo!

Chiara & Stefano Preview!

01-10-2018 17:30

tags: matrimonio, wedding, streetatwedding, sposa, nozze, bride, groom,

url: permalink

Per l'ultimo della lunga serie ci voleva un pizzico di magia!!!!
Buona vita raga!!!!
FaB

_FLY5320.jpg_FLY4914_2.jpg_FLY3197.jpg_FLY4947_2.jpg_FLY3242.jpg_FLY4977_2.jpg_FLY3269.jpg_FLY3288.jpg_FLY5033_2.jpg_FLY5040_2.jpg_FLY5087_2.jpg_FLY3327.jpg_FLY3401.jpg_FLY5143_2.jpg_FLY5157_2.jpg_FLY3515.jpg_FLY5170_2.jpg_FLY5215_2.jpg_FLY3466.jpg_FLY3526.jpg_FLY5300_2.jpg_FLY5296_2.jpg_FLY3550.jpg_FLY5322_2.jpg_FLY5308_2.jpg_FLY3566_Modifica.jpg_FLY5336_2.jpg_FLY3585.jpg_FLY5376_2.jpg_FLY5354_2.jpg_FLY3599.jpg_FLY5401_2.jpg_FLY3624.jpg_FLY5434_2.jpg_FLY5433_2.jpg_FLY5480_2.jpg_FLY5456_2.jpg_FLY5491_2.jpg_FLY3665.jpg_FLY5547_2.jpg_FLY5550_2.jpg_FLY3758.jpg_FLY5618.jpg_FLY5648.jpg_FLY3802.jpg_FLY3816.jpg_FLY3868.jpg_FLY3957.jpg_FLY4040.jpg_FLY4067.jpg_FLY4088.jpg_FLY4119.jpg_FLY4171.jpg_FLY4174.jpg_FLY4251.jpg_FLY4297.jpg_FLY4327.jpg_FLY4386.jpg_FLY4405.jpg_FLY4429.jpg_FLY4458.jpg_FLY4476.jpg_FLY4494.jpg_FLY4545.jpg_FLY4578.jpg_FLY5845.jpg_FLY4588.jpg_FLY4611.jpg_FLY4617.jpg_FLY4636.jpg_FLY4673.jpg_FLY4694.jpg_FLY5889.jpg_FLY4726.jpg_FLY5877_Modifica.jpg_FLY5864.jpg_FLY4744.jpg_FLY4833.jpg_FLY4799.jpg_FLY4845.jpg_FLY5912.jpg_FLY5944.jpg_FLY4981_Modifica.jpg_FLY4964.jpg_FLY5003.jpg_FLY5993.jpg_FLY5996.jpg_FLY6012.jpg_FLY5065.jpg_FLY5076.jpg_FLY5137.jpg_FLY5274.jpg_FLY5278.jpg_FLY5363.jpg_FLY5409.jpg_FLY5491.jpg_FLY6078.jpg_FLY5562.jpg

B come Book- Skyline di Franco Fontana

fontana.jpg

Buongiorno a tutti..e come sempre Buon lunedì con un liBro!
Oggi parliamo di un'altra pietra miliare della fotografia, ovvero Skyline di Franco Fontana puBBlicato nel 1978 dalla casa editrice "Punto e virgola" fondata da Luigi Ghirri a Modena.
Il liBro diventa da suBito un punto di riferimento per la fotografia a colori e ci mostra un autore con una visione nuova e originale che attua una gestione del colore favolosa.
I suoi paesaggi non sono "panorami" da iPhone ma sono opere astratte dove colori, linee e curve la fanno da padrone e ci raccontano il tutto in maniera creativa.
Il liBro è stato ripuBBlicato a 35 anni di distanza da Contrasto arricchendolo con una prefazione di Claude Nori e un testo di Francesco Zanot.
Ogni fotografia con i memoraBili orizzonti e grafismi del Fontana va gustata e rigustata , proprio come se fosse un cioccolatino e ti fa tornare indietro nel tempo, negli anni 70...quei colori e la carta stessa del libro sono profondamente vintage e ciò non fa che rafforzare la potenza di quest'opera.
Consigliatissimo specialmente a coloro che fanno foto paesaggistiche"comuni" ma che sanno raccontare Ben poco!
Vi linko come sempre per l'acquisto!

unBoxing-Fujifilm XT3!

Ciao ragazzi!
Inizio oggi la prima puntata della mia rubrica unBoxing! dedicata ai test delle fotocamere e di attrezzature fotografiche con la nuova ammiraglia di casa Fujifilm, la XT3!
La macchina è davvero Cool!! ed ha un look molto simile alla XT2, ma ciò che cambia in maniera importante è il suo cuore.
Il sensore APS-C Xtrans retroilluminato sembra dare ottimi risultati, così come l'autofocus ulteriormente migliorato.
Potete trovare la descrizione completa nel video che ho realizzato ieri e che trovate nella mia pagina youtube
Il mio giudizio è naturalmente ottimo.
Vi allego alcune fotografie effettuate durante il test!!
A presto!

DSCF4954.jpgDSCF4976.jpgDSCF4976_2.jpgDSCF4978.jpgDSCF4978_2.jpgDSCF4988.jpgDSCF4988_2.jpgDSCF4990.jpgDSCF4994.jpgDSCF4996.jpgDSCF5050.jpgDSCF5001.jpgDSCF5009.jpg

B come Book- Walking the line-Della Negra, Elia, Cecere

IMG_2360.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì... nel mio solito modo!
Qualche tempo fa ero in liBreria alla ricerca di qualche nuovo spunto e tra gli scaffali la mia attenzione si rivolse ad un piccolo volumetto , Walking the Line -Palestina Israele lungo il confine che non c’è - testi di Cecilia Dalla Negra e Christian Elia e fotografie di Gianluca Cecere.
Rimasi colpito da questo liBro poichè da quando sono nato sento parlare del proBlema israelo - palestinese e di quella striscia di terra martoriata ed esausta; inoltre sono sempre stato affascinato dai confini e dai frequenti proBlemi ad essi collegati.
Non prendere posizione in questa "partita a due" non è mai facile compito, ma in questo liBro il vero protagonista è la fotografia e in particolar modo lo è lo spazio palestinese riaBilitato e assunto a protagonista concreto di una narrazione negata.
I tre autori camminano prima lungo una frontiera oramai concettuale come quella della Linea Verde, estirpata dalla storia ma con evidenti cicatrici ancora tangibili e poi su una frontiera "fisica" ovvero quella ancora esistente lungo la quale abitano "villaggi, città e memorie confinati in una presenza assente eppure mai arresa".
Si raccontano infine delle storie di alcune persone e lo si fa anche attraverso delle fotografie profonde e intime.
Insomma un viaggio che vale la pena fare.
Vi invito ad andare in libreria stavolta per l'acquisto o a richiederlo presso l'Edicola 518 di Perugia, in quanto su Amazon non è facilmente reperiBile.
E' un progetto che è stato sostenuto grazie all'aiuto di molte persone che trovate elencate sul sito walkingtheline che vi consiglio di visitare.
Buona lettura!

Helen&Jack!

Many guests.
Two guys.
One love.
Good luck my friends!
FaB

_FLY9966.jpg_FLY2395.jpg_FLY8705.jpg_FLY2405.jpg_FLY2431.jpg_FLY2469.jpg_FLY8750.jpg_FLY8758.jpg_FLY2525.jpg_FLY2497.jpg_FLY2508.jpg_FLY2345.jpg_FLY2531.jpg_FLY2357.jpg_FLY2535.jpg_FLY2538.jpg_FLY2877.jpg_FLY2549.jpg_FLY2569.jpg_FLY2645.jpg_FLY2700.jpg_FLY2648.jpg_FLY8818.jpg_FLY2728.jpg_FLY8865.jpg_FLY2710.jpg_FLY2841.jpg_FLY8844.jpg_FLY2764.jpg_FLY8899_Modifica.jpg_FLY8910.jpg_FLY2887.jpg_FLY2896.jpg_FLY2907.jpg_FLY2936.jpg_FLY2977.jpg_FLY8963.jpg_FLY8975.jpg_FLY8982.jpg_FLY8992.jpg_FLY9005.jpg_FLY9033.jpg_FLY3050.jpg_FLY9121.jpg_FLY9159.jpg_FLY3064.jpg_FLY3104.jpg_FLY3217.jpg_FLY3190.jpg_FLY3278.jpg_FLY3176.jpg_FLY3250.jpg_FLY3241.jpg_FLY3203.jpg_FLY3262.jpg_FLY9410.jpg_FLY3316.jpg_FLY9261.jpg_FLY9427.jpg_FLY3351.jpg_FLY3381.jpg_FLY9494.jpg_FLY9507.jpg_FLY3415.jpg_FLY9526.jpg_FLY9551.jpg_FLY9574.jpg_FLY3426.jpg_FLY9634.jpg_FLY9637.jpg_FLY9646.jpg_FLY9670.jpg_FLY9682.jpg_FLY9727.jpg_FLY9699.jpg_FLY9707.jpg_FLY9688.jpg_FLY3421.jpg_FLY9742.jpg_FLY9764.jpg_FLY9793.jpg_FLY9802.jpg_FLY9808.jpg_FLY9783.jpg_FLY9747.jpg_FLY9856.jpg_FLY9916.jpg_FLY0050.jpg_FLY0090.jpg_FLY0132.jpg_FLY0167.jpg_FLY0236.jpg_FLY0273.jpg_FLY0322.jpg_FLY0337.jpg_FLY0352.jpg_FLY_8.jpg_FLY0519.jpg_FLY0542.jpg_FLY3494.jpg_FLY3523.jpg_FLY0563.jpg_FLY0572.jpg_FLY3552.jpg_FLY0587.jpg_FLY0650.jpg_FLY0725.jpg_FLY0746.jpg_FLY3569.jpg_FLY3602_Modifica.jpg_FLY3644.jpg_FLY3649.jpg_FLY3652.jpg_FLY3661.jpg_FLY9945.jpg

Nico & Diletta Preview!

Si può avere il sorriso stampato per l'intera giornata solo se sei la persona più felice dell'universo!
Grazie ragazzi!
Anche se siete dall'altra parte del mondo spero vi arrivi il mio abbraccio!
FaB

_FLY7468.jpg_FLY1069.jpg_FLY1079.jpg_FLY1085.jpg_FLY1088.jpg_FLY6152.jpg_FLY1115.jpg_FLY1131.jpg_FLY1153.jpg_FLY1165.jpg_FLY6172.jpg_FLY6231.jpg_FLY1176.jpg_FLY1191.jpg_FLY1203.jpg_FLY1206.jpg_FLY1236.jpg_FLY1277.jpg_FLY1315.jpg_FLY6467.jpg_FLY1395.jpg_FLY6402.jpg_FLY6413.jpg_FLY6477.jpg_FLY1548.jpg_FLY6502_Modifica.jpg_FLY1563.jpg_FLY1579.jpg_FLY1571.jpg_FLY1603.jpg_FLY1622.jpg_FLY1626.jpg_FLY1654.jpg_FLY1697.jpg_FLY1715.jpg_FLY1735.jpg_FLY1774.jpg_FLY6597.jpg_FLY1849.jpg_FLY6657.jpg_FLY6682.jpg_FLY6724.jpg_FLY6777.jpg_FLY6919.jpg_FLY6941.jpg_FLY6983.jpg_FLY6759.jpg_FLY7084.jpg_FLY1966.jpg_FLY2001.jpg_FLY7380.jpg_FLY7393.jpg_FLY2030.jpg_FLY2053.jpg_FLY2081.jpg_FLY2115.jpg_FLY2140.jpg_FLY7509.jpg_FLY7429_Modifica.jpg_FLY7551.jpg_FLY7582.jpg_FLY7449.jpg_FLY7475.jpg_FLY7569.jpg_FLY7461.jpg_FLY7588.jpg_FLY7387.jpg_FLY7609.jpg_FLY7746.jpg_FLY7694_Modifica.jpg_FLY2170.jpg_FLY7789.jpg_FLY7814.jpg_FLY7881.jpg_FLY7888.jpg_FLY7928.jpg_FLY7929.jpg_FLY7937.jpg_FLY7951.jpg_FLY8046.jpg_FLY8091.jpg_FLY8220.jpg_FLY8239.jpg_FLY8334.jpg_FLY8412.jpg_FLY8433.jpg_FLY8487.jpg_FLY8548.jpg_FLY8377.jpg

B come Book- Early Color di Saul Leiter

saul.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì...come sempre con un liBro!
Oggi parliamo di un autore rimasto per quarant’anni quasi un perfetto sconosciuto ovvero Saul Leiter e del suo liBro capolavoro Early color.
Infatti anche se nel 1953 alcune fotografie a colori di quest’autore vennero esposte al museo di arte moderna MoMa di New York, ai più rimasero per quarant’anni sconosciute, a testimonianza che non sempre il linguaggio di un autore viene compreso subito.
Il liBro offre l’opportunità di vedere e conoscere uno dei maestri nella gestione del colore, che tra i primi scelse questa "forma estetica" per le sue fotografie.
Leiter si trasferì in America nel 1946 a New York con l’intento di diventare un pittore ma Ben presto riconoBBe il potenziale creativo della fotografia.
La macchina fotografica diventò perciò il suo pennello e un occhio onnipresente nella vita della metropoli americana.
La manipolazione e la gestione del colore diventano epici per i tempi ,con un linguaggio visivo amBiguo e immagini sottili e pittoriche che estendono i confini della fotografia fino a quelli della pittura appunto.
Molte di queste immagini sono state scattate con pellicole scadute e raccontano di una New York che non esiste più forse,sofisticata e a volte addirittura lenta e morBida; per la loro Bellezza e profondità le fotografie ci fanno capire ancora una volta, se occorre, che i tecnicismi e le faccende da smanettoni di dati exif passano in secondo piano SEMPRE se hai qualcosa da raccontare.
Vi linko per l'acquisto!
Buona lettura!

search

pages

loading