flyphoto.it logo

B come Book- Kodachrome di Luigi Ghirri

Buongiorno a tutti e Buon..martedi!
Ieri per alcuni proBlemi non sono riuscito a scrivere il mio solito articolo del lunedì mattina e allora eccomi qua pronto a rimediare con una vera e propria BomBa.
Il liBro di cui vi parlo oggi meritereBBe infatti non uno, non due, ma almeno duecento articoli per la complessità e la grandiosità che rappresenta e su cui ho una certa dose di timore nello scrivere.
Sto parlando di Kodachrome di Luigi Ghirri, un'opera che per l'importanza che ha dovreBBe essere negli scaffali di tutti i fotografi e gli appassionati di fotografia in quanto rappresentò una vera e propria rivoluzione nel linguaggio fotografico.
Luigi Ghirri nasce a Scandiano ( Reggio Emilia) il 5 gennaio 1943 ed inizia ad interessarsi al mezzo fotografico nei primi anni '70.
Prevalentemente affascinato all'analisi del rapporto uomo-amBiente e alla ricerca di "identità" fonderà tutti i suoi lavori su questo diventando uno dei fotografi più importanti ed apprezzati di sempre in tutto il mondo.
A riguardo di questa piccola ruBrica credo che l'autore avrebbe ampiamente meritato la puntata numero uno di B come Book se non altro per il ruolo importante che eBBe in Italia nella crescita e divulgazione della cultura fotografica e in particolare modo del liBro fotografico.
Ghirri infatti fondò nel 1977 la casa editrice "Punto e Virgola" che fu all'avanguardia in Italia nel cercare di alzare il livello di reputazione della fotografia come mezzo di espressione artistica, al fine di cercare di colmare le lacune che da anni c'erano nei confronti di altre realtà internazionali.
Il liBro di cui parliamo oggi, Kodachrome, è una delle nove puBBlicazioni della stessa che poi per difficoltà economiche fu costretta a chiudere i Battenti ma che restò una gloriosa pagina di storia nella fotografia italiana.
Tutto questo contriBuì a rendere per anni introvaBile il liBro fino a che nel 2018 l'editore inglese MACK decise di ristamparlo e di farlo riscoprire cercando di ritrovare anche il tono originale delle immagini grazie all'aiuto dello stampatore modenese Arrigo Ghi (a cui si deve molto della qualità del colore di Ghirri).
La puBBlicazione è accompagnata da un testo di Francesco Zanot.
Kodachrome è un'autentica rivoluzione in quanto diventa una riflessione sul concetto stesso di fotografia, sulla sua natura, sui suoi limiti e le sue possiBilità.
Circa 100 fotografie o come le chiama Ghirri " frammenti" che insieme ricompongono un mosaico Ben più ampio che diventa a sua volta uno straordinario strumento di rieducazione allo sguardo, da osservare senza fretta in cerca di ogni dettaglio nascosto.
Ogni immagine infatti non è "urlata" come nel classico reportage ma è una vera e propria operazione concettuale che rimanda a tanti significati e allo sguardo dell'autore stesso.
Una vera e propria autoBiografia per immagini insomma in cui tutto, dal titolo allo spazio Bianco che circonda le foto è qualcosa di studiato e ragionato per andare al di sotto della superficie delle cose e per offrirci un'esperienza visiva unica.
Un liBro consigliatissimo specialmente in un'epoca come questa in cui siamo sommersi da immagini e che ci induce altresì a rallentare e rieducare il nostro modo di osservare.
Immenso Ghirri!
Il liBro comincia ad essere difficilmente reperiBile quindi se siete interessati approfittatene!
Potete trovarlo alla sempre fornitissima Libreria Grande sia online che fisicamente.

Questa settimana vi consiglio poi una figata di corso Ulilearn con Martina Bacigalupo un workshop di 3+ ore con la photo editor di 6mois, alla scoperta dei processi di selezione dei progetti puBBlicati nella prestigiosa rivista.
A lunedì prossimo come sempre con un liBro!

IMG_4132.jpgIMG_4131.jpgIMG_4130.jpgIMG_4128.jpgIMG_4126.jpg

B come Book- Modern Color di Fred Herzog

date » 09-07-2018 09:51

permalink » url

tags » libri, blog, book,

61LhSCw4OTL._SY498_BO1_204_203_200_.jpg

Buongiorno a tutti e come sempre...Buon lunedì di libri!
Prendendo spunto da un post del mio amico fotografo Fabio "Bonny" Bonanno vorrei parlarvi oggi di un libro tanto stupendo quanto fondamentale per coloro che amano la fotografia a colori: Modern Color di Fred Herzog.
L'opera dell'autore è stata per anni considerata di seconda fascia ma, come spesso succede, col tempo egli ha avuto i giusti meriti di un lavoro importante e avveniristico.
Negli anni 50/60 scattare a colori non era infatti cosa da"autore" ..se non scattavi in bianconero non eri nessuno!
Perciò emergere era ancora più difficile, specie per uno come l'autore che viveva di fotografia si, ma facendo fotografia medica.
Le fotografie presenti nel libro sono state scattate negli anni 50-60 a Vancouver con la pellicola Kodachrome e ritraggono la quotidianità della tranquilla città canadese, i suoi colori , le sue abitudini, i suoi ritmi.
Negli ultimi anni la tecnologia è riuscita a restituire agli scatti dell'autore la vivacità dei colori originali e da ciò nasce questa meravigliosa opera " Modern Color".
Un volume con 230 immagini di cui alcune inedite , con alcuni testi di autori conosciuti e soprattutto con dei colori incredibili!
La sensazione che ho quando guardo queste immagini è di tempo sospeso.
Siamo legati inconsciamente al fatto che le immagini del passato debbano essere "scolorite" o in bianconero..e quando osserviamo queste mi sembra invece che il tempo si sia fermato e che alla fine il mondo per quanto possa essere cambiato ha sempre gli stessi colori,da sempre.
B-uona lettura raga!!
Vi linko come sempre se volete acquistare il libro!
search
pages
Link
https://www.flyphoto.it/b_log-d

Share link on
CLOSE
loading