flyphoto.it logo

B come Book- Le Grand Jeu, Henri Cartier-Bresson

Buongiorno e Buon lunedì!
Dopo le sterili polemiche calcistiche del weekend da cui mi tiro fuori con signorilità assoluta andiamo alle cose serie( ma quanto piangete?).
Per molto tempo ho ritenuto superfluo acquistare un liBro dell'autore di cui vi parlerò oggi definito "l'occhio del secolo" e conosciuto, letto e studiato in tutto il mondo.
Proprio per questa sua fama infatti approfondimenti sulla sua vita e le sue opere sono facilmente reperiBili in rete e per questo non avevo mai sentito l'esigenza di acquistare un suo liBro.
Sto parlando del grande Henri Cartier-Bresson, il fotografo del momento decisivo e sicuramente tra le figure più influenti di sempre.
Straordinarie e se vogliamo assurde nella perfezione sono le sue composizioni, dove il protagonista assoluto è proprio l'istante decisivo, il momento esatto colto dal fotografo nel mezzo di un'azione che sareBBe accaduta comunque, senza la sua presenza e senza la sua interferenza.
Su HCB si è detto e scritto di tutto, con il mondo della fotografia diviso tra chi considera le sue opere un mero esercizio di virtuosismo fotografico e chi invece le considera dei capolavori assoluti.
Io si capisce da che parte sto e perciò vi risparmio il predicozzo.
Voglio parlarvi invece dell' interessante volume "Le Gran Jeu" puBBlicato a seguito dell'omonima mostra esposta a Palazzo Grassi-Venezia e alla BiBlioteca Nazionale di Francia a Parigi e che ho ritenuto essere un volume interessante da acquistare.
Il percorso di questo liBro nasce dal lontano 1972 quando due collezionisti di Houston, John e Dominique de Menil, chiesero a HCB di scegliere una collezione master delle sue opere, un grand Jeu appunto.
Bresson dopo un'accurato lavoro scelse 385 fotografie che sono il punto di partenza di questo nostro volume; a partire da esse infatti 5 diversi curatori hanno fatto una loro personale selezione e ciò che ne esce fuori è una visione d'insieme davvero interessante.
Lo scrittore Javier Cercas, la fotografa Annie LeiBovitz, il regista Wim Wenders, la conservatrice Sylvie Aubenas e Francois Pinault presidente di Palazzo Grassi ci offrono 5 diverse selezioni, 5 diversi punti di vista che invitano il fruitore a scoprire, paragonare, leggere tra le righe e ripensare l'opera Bressoniana come mai forse avevo visto prima.
Il tutto con un ritmo mai noioso ma sempre vivace che ci invita dopo una prima lettura volta a scoprirne la storia, a rigiocare da capo per apprezzarne il modo di raccontare, molto legato al curatore.
Un compito non certo facile per i 5 perchè si sa...giocare con le icone è sempre rischioso.
Ne viene fuori uno straordinario viaggio "a 10 occhi" nell'opera unica di un autore immenso che ci ha lasciato delle immagini senza tempo che è davvero un piacere gustare tutte assieme.
Insomma un liBro da acquistare sia per averlo come pietra fondamentale sia per le visioni d'interesse che ci mostra.
A me è particolarmente piaciuta la visione di Wim Wenders, ricca di ritratti e di foto meno scontate che ci aiutano a comprendere a tutto tondo l'universo Bressoniano.
Potete acquistarlo presso la Libreria Grande sia online che fisicamente.

Questa settimana voglio poi consigliarvi una BomBa di Ulilearn ovvero Idea LaB con Tommaso Bonaventura, una sorta di laBoratorio concettuale durante il quale acquisire un approccio metodico capace di mettere in discussione le idee.
L'oBiettivo del percorso è di rendere un lavoro potenzialmente interessante agli occhi di photo-editor, galleristi, fondi o istituzioni.
A lunedì prossimo, come sempre con un liBro e, speriamo, con la qualificazione champions.

IMG_5297_jpg.jpgIMG_5298_jpg.jpgIMG_5299_jpg.jpgIMG_5300_jpg.jpgIMG_5301_jpg.jpgIMG_5304_jpg.jpg

B come Book- Elliott Erwitt Family

Buongiorno e Buona Pasqua in ritardo!
Pensavate che questa settimana causa festività non arrivasse la mia ruBrica eh??!?
E niente invece...vi tocca sorBirvela pure oggi con un liBro fantastico che mi è stato regalato per Natale e che vi consiglio fortemente: Elliott Erwitt.Family!
PuBBlicato a seguito della mostra omonima esposta al Mudec Photo Milano in esso si esplora a tutto tondo il significato poliedrico del termine "famiglia" attraverso delle fotografie raccolte dal maestro nel corso della sua lunga carriera.
Il suo sguardo romantico e ironico, sempre attento a catturare dettagli e situazioni lo ha reso uno dei massimi narratori dei rapporti umani e quindi di conseguenza anche del più piccolo nucleo di comunità che è la famiglia.
Già nel 1955 si intuisce la potenza del messaggio di Erwitt: Edward Steichen uno dei fondatori della "straight photography" nonché direttore del settore fotografia del MOMA firma una delle mostre più interessanti di tutti i tempi, The Family of Man.
In essa si raccontava con circa 500 foto provenienti da 68 paesi diversi il complesso universo della famiglia appunto: tra i fotografi esserci con una sola foto era già segno di grande riconoscimento.
Il giovane 27 enne Erwitt vi partecipò con Ben 4 immagini una delle quale diventerà a lungo anche la copertina della mostra stessa.
Un modo per dire...signore e signori questo è Elliott Erwitt.
Questo liBro è un piccolo spaccato di storie umane raccolte da Erwitt stesso e che contiene fotografie provenienti da diversi contesti, paesi ed epoche: dalle foto delle sue famiglie( -e-, si, ha avuto 4 mogli xxx figli e xxxxxxxx nipoti) ai lavori commissionati del calendario Lavazza, dal lavoro sulla Mony Life Insurance in cui ritraeva per la compagnia assicuratrice alcuni clienti nell'amBito della loro attività lavorativa fino a "Felix Gladys e Rover" in cui sono i cani a rubare la scena.
I cani, già, marchio di faBBrica del lavoro di Erwitt che li usa come metafora ironica della condizione umana e che hanno reso celebri molti scatti dell'autore.
In tutto questo susseguirsi di fotografie troviamo però un grande assente: il giudizio morale.
L'autore infatti ci racconta tanti tipi di famiglie senza mai farci il predicozzo su quelle che sono giuste e quelle che sono sbagliate come farebbe il più classico dei Benpensanti ma semplicemente portandoci in molte realtà con uno stile potente e leggero allo stesso tempo che lo ha reso uno degli autori più amati di sempre.
Un libro consigliatissimo specialmente ai fotografi di famiglia o di matrimonio in quanto ci invita ad uscire dai canoni dettati dall'estetica contemporanea su queste due tematiche.
Per intenderci non troviamo fotografie con le mani sul pancione.
Potete acquistarlo presso La LiBreria Grande ad un Buon prezzo davvero!

Questa settimana voglio poi consigliarvi un interessante workshop di Ulilearn di Piero Percoco in cui si parlerà di narrazione del quotidiano attraverso lo smartphone, strumento oramai fondamentale per lo storyteller di oggi.
A lunedì prossimo, come sempre con un liBro!

IMG_3203.jpgIMG_3205.jpgIMG_3204.jpgIMG_3206.jpgIMG_3209.jpg

B come Book- Il Photo editing di Leonello Bertolucci

Buongiorno a tutti e Buon lunedì!
Dopo l'ennesimo weekend calcistico da dimenticare torniamo a parlare di liBri in questa che è la puntata numero 50( cinquanta! ndr) di B come Book, ruBrica nata un po' per gioco un paio di anni fa ma che ancora ho la costanza di portare avanti( non so come, né con quali energie).
Mi auguro che la troviate utile per conoscere alcuni volumi che sono stati importanti per il mio percorso fotografico e che magari potranno esserlo essere anche per il vostro.
Oggi voglio parlarvi di un argomento che molto spesso crea panico tra i fotografi: l'editing!
Premessa per i #fotografiinfluencerdiinstagramchefannoicorsisullediting( si,i corsi): l'editing E'la fase di scelta delle immagini per il racconto/progetto fotografico e NON E' la post produzione, cazzo.
Su, uno sforzino dai.
Fatta questa doverosa premessa e sottolineando il fatto che non esistono ad oggi delle regole assolute per scegliere le foto in un racconto, né dei "manuali" da prendere come una BiBBia, vi parlo oggi del liBro di un fotografo che stimo molto e che ho avuto il piacere di avere come lettore in diversi concorsi a cui ho partecipato nel 2020: sto parlando di Leonello Bertolucci e del suo " Il photo editing, scegliere le immagini nel racconto fotografico" ed.emuse.
In esso Bertolucci ci parla della delicata fase di editing appunto, una delle più complicate nella costruzione di un progetto fotografico in quanto la creazione della sequenza è fondamentale per rendere leggiBile il nostro intento ma è strettamente personale e in qualche modo dipende anche dal futuro contesto di fruizione del lavoro: una mostra non potrà cioè avere gli stessi criteri di editing di un liBro o di una storia su Instagram.
Scegliere le immagini è inoltre una fase molto complicata per il fotografo che le ha scattate, perchè molto spesso egli tende ad "innamorarsi" e a legarsi emotivamente ad alcuni scatti non accorgendosi magari che essi non sono congeniali al funzionamento del racconto stesso.
Ecco perciò svelato il motivo per il quale moltissimi autori si affidano per editare i propri lavori a figure importantissime come i photoeditor, capaci di osservare il lavoro con occhio meno emozionale e più "chirurgico".
Nel liBro Bertolucci non ci detta delle regole (che non esistono) , ma ci offre una serie di spunti e di considerazioni utili nella costruzione della sequenza unendoli ad aforismi sulla fotografia, suo marchio di faBBrica; un approccio che ci stimola quindi a capire come partire da un numero enorme di scatti ed arrivare ad un racconto organico, compiuto e ben leggiBile allo scopo di far comprendere il nostro intento.
Per farlo si procede molto spesso a ritroso, ovvero si osserva un racconto finito e si cerca di analizzarlo e di smemBralo per comprenderne struttura e "anima".
11 capitoli veramente interessanti da leggere e rileggere attentamente per accrescere la capacità di selezione delle immagini al fine di realizzare al meglio lo scopo principe della fotografia: raccontare qualcosa.
Potete acquistare il libro QUI.

Questa settimana voglio poi consigliarvi una cosa davvero speciale ovvero la Masterclass di Ulilearn La Fonderia con Stefano de Luigi a cui ho deciso di partecipare e che ha ancora un posto disponibile.
Un lungo percorso di 9 mesi per tutti coloro che vogliono lavorare ad un progetto personale ed estendere il proprio linguaggio visivo assieme al 4 volte wpp.
Un'occasione davvero unica ad un prezzo speciale.

Oggi infine inizierà il mio "Indagine su un fotografo al di sopra di ogni sospetto", un per-corso che durerà per 7 settimane mirato a costruire delle solide basi su cui poi andare a sviluppare il proprio linguaggio fotografico.
Felice che la classe sia al completo e molto emozionato di iniziare!
Daje"!
A lunedì prossimo, come sempre con un libro e con esiti calcistici ormai scontati.

IMG_2721.jpgIMG_2724.jpgIMG_2728.jpgIMG_2726.jpg

B come Book- Paesaggi, Interni e Nudi, Todd Hido

Buongiorno e buon inizio settimana a tutti!!
Oggi vi parlerò di un liBro che fa parte di una meravigliosa collana quale quella di Aperture workshop fotografici.
I liBri in questione sono tutti molto interessanti e per ora sono 4 in totale; quello di Todd Hido è il numero 3 ed è a mio parere il più interessante.
Hido affronta i temi della fotografia di paesaggio, degli interni e del nudo e lo fa con una visione assolutamente personale e introspettiva.
Porta tutti i suoi ricordi e le sue esperienze nella fotografia, non limitandosi ai canoni in voga, ma dando un taglio nuovo e concettuale a tutte; un linguaggio se vogliamo molto cinematografico ed evocativo ma molto potente e diretto allo stesso tempo che io adoro.
Le fotografie assumono una assoluta "tridimensionalità" portando il lettore nei luoghi stessi e coinvolgendolo al massimo.
Di particolare interesse a mio avviso la parte in cui l'autore fotografa dall'esterno le abitazioni degli americani: osservando le stesse si capisce molto di ciò che accade all'interno della famiglia e questo è illuminante per quanto è vero, pensateci.
Un liBro e una collana assolutamente da non perdere per tutti coloro che amano la fotografia.
Se vi aspettate invece paesaggi in HDR o manipolazioni in photoshop come da moda imposte virate su altro.
E magari cambiate anche Blog..questo non fa per voi!:)
Potete acquistarlo presso La Libreria Grande sia online che fisicamente.
B-uona lettura!

Questa settimana voglio poi segnalarvi l'interessante workshop di Ulilearn Il racconto autobiografico in cui Simona Ghizzoni ci parlerà di autoritratto e narrazione personale nella fotografia contemporanea.

IMG_5985_jpg.jpgIMG_5986_jpg.jpgIMG_5987_jpg.jpgIMG_5988_jpg.jpg

search
pages
Link
https://www.flyphoto.it/b_log-d

Share link on
CLOSE
loading