flyphoto.it logo

B come Book - The people I like di Giovanni Gastel

Buongiorno e Buon lunedì!
Questa settimana non vi farò la consueta intro in cui annuncio la ormai scontata vittoria dello scudetto dell’Inter dato lo stop causa nazionale ma comunque ormai è fatta ragazzi purtroppo, diciamolo.
Parliamo piuttosto di cose più inter-essanti come i liBri va!
Oggi voglio rendere omaggio ad un grande fotografo scomparso da pochi giorni che ha lasciato un grande vuoto nella fotografia italiana: Giovanni Gastel.
Voglio infatti parlarvi di The people I like ed. Skira il liBro che è stato pubblicato in seguito alla omonima mostra esposta nel 2020 al MAXXI di Roma e composta esclusivamente da ritratti.
Barack OBama, Marco Pannella, Rosario Fiorello, RoBerto Bolle, Luciana Littizzetto, Miriam Leone, Vasco Rossi: sono questi alcuni soggetti fotografati dal maestro e inseriti tra i circa 200 ritratti che egli ha raccolto dopo anni in questo volume veramente straordinario.
Ritratti che all’inizio della carriera Gastel non amava particolarmente ma che poi nel corso degli anni sono diventati parte fondamentale del suo lavoro e un vero e proprio "timBro" che li rendeva riconosciBili e fortemente identitari nei confronti dell’autore tanto da parlare di "Metodo Gastel".
Dimostrazione che il ritratto non è "il catturare l’anima del fotografato" come spesso leggiamo nel meraviglioso mondo dei forum di facebook , ma è semplicemente un mezzo con cui il fotografo si serve per parlare in realtà di se stesso, delle sue esperienze, della sua visione, del suo sguardo servendosi del soggetto.
Ed è questo che rende unica quella foto e che rende uniche e fortemente identitarie in questo caso le foto di Gastel appunto, da cui emerge tutta quella sensiBilità e gentilezza che egli possedeva.
Bianconero o colore, gente molto nota o meno conosciuta poco conta: in questi ritratti c’è tutto lui.
Un liBro che lascia poco spazio alle parole e molto alle fotografie tutte da guardare e riguardare.
Tra le mie preferite c'è sicuramente quella alla straordinaria BeBe Vio che ci appare come uno dei supereroi Marvel, cosa che in effetti ha dimostrato di essere e quella all'amico fotografo Efrem Raimondi anche lui mancato da poco e a cui Gastel aveva dedicato nel giorno della scomparsa anche una delle sue poesie.
Voglio chiudere questa recensione con le parole dell'autore stesso, riportate nella quarta di copertina del liBro e che spiegano Benissimo ciò che potrete ammirare sfogliandolo: “ Dico sempre alla persona che sto per fotografare una frase che spiega come intendo io il ritratto-Io non sono uno specchio, io sono un filtro.Il ritratto che io farò di te sei tu, filtrato da quello che sono io( le mie paure, le mie gioie, le mie solitudini, le mie poesie); uscirai sotto forma di un’interpretazione di te. Io do la mia lettura che non è lettura assoluta. Io filtro attraverso tutto quello che ho letto, visto, studiato e ti restituisco…”
Un liBro immancaBile che sta diventando a causa della prematura scomparsa dell’autore piuttosto introvaBile.
Potete acquistarlo presso la Libreria Grande che da questa settimana diventerà il punto di riferimento dei miei articoli.
Ho deciso infatti di inserire il link per acquisto su una liBreria fisica e non sul solito link amazon per supportare le attività che lavorano sul territorio.
Visto che devo fare un lavoro gratis che l’eventuale compenso della vendita vada almeno a qualcuno che ha un volto che conosco.

Vi consiglio inoltre un interessante workshop di Ulilearn con Piero Percoco sull'utilizzo consapevole dello smartphone per creare un proprio linguaggio e per utilizzare instagram come output di divulgazione.
Davvero interessante a mio avviso!
A lunedì prossimo , come sempre con un liBro e con l’Inter campione d'Italia, naturalmente e purtroppo.

IMG_2953.jpgIMG_2957.jpgIMG_2958.jpgIMG_2961.jpgIMG_2962.jpgIMG_2963.jpg

search
pages
Link
https://www.flyphoto.it/b_log-d

Share link on
CLOSE
loading