B come Book- RVM Magazine

IMG_4483.jpgIMG_4484.jpg

Buongiorno raga e Buon lunedì!!
Dopo aver visto spuntare i primi BaBBo natale alle finestre e essermi sorBito nell'ultima settimana sui social rispettivamente le foto degli alBeri, le foto del funamBolo a Perugia e aver visto condivisioni a rota sui Queen da gente che "nsa manco chi so" entriamo nello spirito natalizio di Bontà gratuita attraverso il suo colore predominante: il rosso.
Vi parlerò infatti oggi di una rivista INDIPENDENTE ( e sottolineo) meravigliosamente BBella ( con due B si,non so trovare altro termine scellerato per farne magnificenza) recentemente rinnovata e restaurata a modo, RVM Magazine.
Essa si pone veramente come una "cosa" diversa da tutte le altre, anomala ed affascinate.
Parliamo infatti di una rivista che ha l'oBiettivo di approfondire con tutti i mezzi possiBili, le ricerche e gli studi sulla fotografia con particolare riguardo alla documentaristica contemporanea e che si apre per questo motivo alla contaminazione con altre forme di narrazione, come la poesia, la letteratura, l'illustrazione e l'arte grafica.
Un punto di vista insolito e talvolta meno rassicurante, ma proprio per questo fondamentale perché stimola riflessione e spunti diversi e perchè talvolta la contaminazione spaventa e disorienta(in ogni campo) ma è straordinariamente utile per la crescita.
Ora voi mi dovreste dire..che c'entra tutto questo col rosso???
C'entra invece, perchè l'indagine sul mondo di RVM magazine utilizza il colore come "medium", quasi fosse un filtro fotografico...avvicinandolo di volta in volta a significati e narrazioni diverse.
Proprio dal rosso parte il primo numero ,THE REDO ISSUE che è quello che vi presento oggi.
E io, che di filtri rossi ne ho fatti....ve lo consiglio fortissimamente.
Troverete un numero con 5 projects fantastici tra cui Davide Monteleone ( di cui vi ho già parlato) che mette in scena il viaggio di Lenin dall'esilio alla rivoluzione, Carlotta Cardana che ci parla della strada del riscatto degli indiani d'America contemporanei ( io amo gli indiani d'America da sempre, fanculo Custer)e Sanne de Wilde che ci mostra il mondo degli acromati, privo di colori ma ricco di sfumature surreali (Gold medal per il miglior contenuto singolo “Independent Magazine: Single Spread Story).
La rivista è particolare anche nella rilegatura, nell'impaginazione e nelle ottime carte su cui è stampata ( diverse per ogni lavoro)e per questo ha ricevuto tre premi nell'amBito della 53esima edizione dell’Annual Design Award della The Society of Publication Designers, uno dei più prestigiosi premi dedicati al design editoriale per le riviste, che si tiene a New York.
A questo numero è seguito il secondo volume -The white issue dedicato appunto al colore bianco.
Potrete trovare questa rivista nella fantastica Edicola 518 di Perugia oppure richiederla online per i non perugini
Buon natale, con Buonismo.
Fate i bravi.

B come Book- Il Ritratto e l'Istante ,Mary Ellen Mark

IMG_4105.jpgIMG_4106.jpg

B.....uongiorno e Buon lunedì a tutti!!
Siete pronti all'arrivo delle lucine colorate, delle foto degli alBeri spammate su Facebook e dei #BaBBinatalechesiarrampicanosulleterrazze??
It's Christmas!
E allora se volete fare un regalo non scontato ad una persona cara a cui piace la fotografia..fate un Bel liBro!
Per esempio quello di cui parliamo oggi, ovvero il volume 4 della collana Aperture Workshop Fotografici, Il Ritratto e l'Istante di Mary Ellen Mark.
In un'età dove persone si improvvisano fotografi senza sapere cos'è la fotografia e fotografi si improvvisano ritrattisti senza sapere cosa è un ritratto e dove l'unica Mark che conoscono è la Mark 2-3-4 Canon di cui sapranno dirvi fino all'ultima parola di tecnologia( fiuuu riprendo fiato,il periodo era lungo) conoscere questo testo è di grande importanza.
MEM ci propone la sua idea di osservazione del mondo e di fotografia e la usa nei suoi ritratti, molto di più di semplici scatti a persone o animali ma in certi casi viaggi introspettivi dentro il soggetto fotografato.
Dimostrazione che a volte non servono effetti speciali, ma Basta un'inquadratura organizzata, un dettaglio, una posa-non posata ma che appaia non forzata per mostrarci a fondo l'io di un soggetto.
L'autrice ci svela il concetto alla Base del suo processo creativo e qualcosa del suo essere fotografa; riesce nel suo scrivere a coinvolgerti e non a somministrarti qualche nozione a modo di #ocadapatè parlando anche di come istaurare un rapporto di fiducia col soggetto fotografato al fine di tirare fuori il meglio da egli.
Un libro consigliassimo a chi ama il ritratto ed in generale a tutti coloro che vogliono approfondire l'argomento e sono stanchi di ritratti con #modellenudeconlechiappedefori soltanto.
Vi linko come sempre per l'acquisto!
Se avete tempo e denaro compratevi tutta la collana degli Aperture Workshop..ne vale la pena!
Hasta la vista raga, fate i Bravi.
Ah e mi raccomando...appendete il BaBBo natale nella terrazza..ma attenzione di questi tempi!

B come Book- Diane Arbus :An Aperture Monograph

arbus.jpg

Buongiorno a tutti e Buon lunedì come sempre con un liBro!
Ho sempre preferito alle monografie i progetti compiuti ma oggi facciamo un'eccezione parlando di Diane ArBus e della monografia dedicatale da Aperture dopo la sua prematura scomparsa nel 1971, An Aperture Monograph.
La vita della fotografa americana è strettamente connessa più di ogni altro autore con la sua fotografia ed i suoi soggetti.
Diane inizia a fare la fotografa dopo la guerra assieme al marito Allan, ma la sua consacrazione arriva solo dopo la separazione da questo negli anni 60 .
Il territorio prediletto della ArBus è New York dove ella ama ritrarre soggetti particolari e "strani" con cui instaura un vero e proprio rapporto di amicizia anche profondo; soggetti Bizzarri per l’epoca come la donna che si veste da uomo, il nano, il gigante cieco con una grande BarBa.
Nel '65 il MOMA presenta alcune fotografie della ArBus che in quegli anni vanta importanti collaBorazioni con fotografi dell’epoca come il fotografo di moda Richard Avedon, e i fotografi di strada Winogrand e Friedlander.
Proprio con questi ultimi due nel '67 espone 30 sue foto al MoMa; la mostra ha grande successo nonostante le polemiche che l’accompagnarono perché l’etichetta di "fotografa di mostri" che viene cucita addosso alla ArBus non le piace affatto e la sua mente , già affaticata dalle crisi depressive di cui soffriva, ne risente pesantemente.
La ArBus diventa un'icona del fotografo newyorkese e simbolo di tante battaglie "freak" e di quella contro la guerra del Vietnam .
La malattia peggiora finché Diane non si suiciderà nel luglio 71 con una forte dose di BarBiturici e tagliandosi le vene nella vasca da Bagno.
Dall’anno dopo inizia la consacrazione dell'autrice proprio con la monografia di Aperture che la porterà ad essere una delle fotografe icona del '900.
Potete trovare tantissimo materiale sulla fotografa anche su YouTube come alcuni documentari interessanti.
Vi linko come sempre per l'acquisto!

Cristina & Nicolò Preview!

11-06-2018 17:48

tags: matrimonio, wedding, trasimeno, nozze, sposi, fotografo perugia,

url: permalink

Un matrimonio così me lo ricorderò a lungo..due ragazzi bellissimi, un amore sincero, delle promesse oneste e..degli amici veri e ...rumorosi!
Insomma tutto perfetto!
..e allora buona vita raga!!!!!
Guarda il trailer nella mia pagina Facebook!...

_FLY3921.jpg_FLY3532.jpg_FLY3294.jpg_FLY3465.jpg_FLY3060.jpg_FLY3160.jpg_FLY3313.jpg_FLY3225.jpg_FLY3357.jpg_FLY3394_2.jpg_FLY3431_2.jpg_FLY3390.jpg_FLY3609.jpg_FLY3624.jpg_FLY3677.jpg_FLY3694.jpg_FLY3756.jpg_FLY3712.jpg_FLY3761.jpg_FLY3716_2.jpg_FLY3667_2.jpg_FLY3773.jpg_FLY3795_2.jpg_FLY3820.jpg_FLY3907_2.jpg_FLY3922_2.jpg_FLY4055.jpg_FLY4018.jpg_FLY3972_2.jpg_FLY3989_2.jpg_FLY4003_2.jpg_FLY4005.jpg_FLY4181.jpg_FLY4046_2.jpg_FLY4089.jpg_FLY4123.jpg_FLY4106_2.jpg_FLY4129.jpg_FLY4140.jpg_FLY4109_2.jpg_FLY4172.jpg_FLY4146_2.jpg_FLY4165_2.jpg_FLY4351.jpg_FLY4607.jpg_FLY4286.jpg

search

pages

loading